lunedì 25 febbraio 2019

Imposte locali e bilancio nel Consiglio comunale del 25 febbraio 2019.


La seduta di questa sera e' stata dedicata all'approvazione delle aliquote IMU, TASI, addizionale IRPEF e TARI per l'anno corrente ed a seguire il bilancio di previsione 2019.


Erano presenti oltre ai consiglieri della maggioranza consigliare del Sindaco ing. CORBO, solo i due consiglieri di minoranza LUINI (Indipendenti) e BONALLI (Lega).

Le aliquote delle imposte locali sono state confermate invariate rispetto all'anno passato. Riguardo la TARI resta stanzialmente invariato il sistema di ripartizione costi tra utenze domestiche e non domestiche con relative sottocategorie.
Votazione unanime favorevole della maggioranza su questi quattro punti, così come sul bilancio previsionale 2019 mentre le due minoranze presenti (come detto) si sono astenute. 

Noi, GRUPPO INDIPENDENTI, ne abbiamo motivato la posizione reputando che il bilancio presentato sia stato giustamente prudente nella programmazione. Si consideri che fra tre mesi si votera' per il nuovo Sindaco e sarebbe stato un azzardo programmare opere eccezionali di cui non si avrebbe certezza nel perseguirle. Una prudenza che abbiamo considerato di buon senso politico/amministrativo. 

Riprendiamo in coda all'articolo lo stralcio della "Strategia dell'Amministrazione" approvata, con le opere in corso o che saranno da definire nel corso del 2019. 
 

E' stata una delle ultime sedute di Consiglio prima delle votazioni comunali del 26 maggio prossimo,  contiamo di rendicontarvi ancora su quanto avverra' nei prossimi mesi.

 

Camillo Luini per gli Indipendenti in Consiglio comunale. 

 

sabato 19 gennaio 2019

Elezioni comunali del 26 maggio prossimo. Apprendiamo da “La Prealpina” che le forze politiche e civiche besnatesi si stanno attrezzando per la campagna elettorale che porterà all’elezione del Sindaco.


Entro il 26 aprile 2019 dovranno essere presentate le Liste ma per ora se ne evince  che l’unica certezza è la ricandidatura del Sindaco uscente ing. Giovanni CORBO che con il suo gruppo civico “Con voi per Besnate” si presenterà contando sull’apprezzamento da parte degli elettori del lavoro della sua squadra  che definisce “encomiabile”, senza escludere l’inserimento di figure nuove che portino caratteristiche innovative.

L’attuale consigliere di minoranza Giuseppe RAVASI, che fu Sindaco della lega dal 1999 al 2009, non intende continuare nel suo impegno politico.

La LEGA besnatese sta lavorando per realizzare una coalizione di centrodestra per evitare la ripresentazione di varie Liste civiche, come avvenne cinque anni orsono, ma non si fanno nomi sull’eventuale candidato a Sindaco e Romeo POVOLERI, attuale consigliere di minoranza in Consiglio comunale, la pensa allo stesso modo “correre uniti per non disperdere voti”.

Gli INDIPENDENTI (che siamo noi, scriventi) rappresentati in Consiglio Comunale da Camillo LUINI, non hanno ancora maturato la decisione; in divenire la costituzione di una nuova Lista non condizionata da logiche partitiche oppure l’appoggio disinteressato alla figura del candidato a Sindaco che rappresenterà le migliori capacità e garanzie per una buona amministrazione besnatese, indipendentemente dal suo colore politico. Ovviamente non mancheremo di darne informazione agli elettori.


INDIPENDENTI PER BESNATE

giovedì 27 dicembre 2018

DA INDIPENDENTI IN CONSIGLIO COMUNALE, E' TEMPO DI AUGURI E DI RENDICONTO.


Consiglio Comunale di fine anno al completo
Con i tradizionali auguri di fine anno e per un buono e sereno 2019 che facciamo a tutti i Besnatesi, è tempo di rendiconto di quanto abbiamo fatto,
scritto e detto in ambito amministrativo / politico locale, alla vigilia dell’apertura della campagna elettorale di primavera per l’elezione del Sindaco.
  
Noi, da Indipendenti abbiamo rappresentato per oltre quattro anni una minoranza critica ma non opposizione ideologica a prescindere, abbiamo potuto esprimere all’occorrenza azione di contrasto e controllo per dovere istituzionale ma anche di approvazione nelle scelte ritenute valide. In disaccordo su temi di politica generale (vedi ad esempio immigrazione e politiche del lavoro) abbiamo riconosciuto l'impegno amministrativo espresso da Sindaco e Giunta in carica.    

Non abbiamo condiviso la politica di bilancio che ha privilegiato, particolarmente nei primi anni di mandato, le spese a discapito d’investimenti per lo sviluppo del territorio. Così come ci siamo sempre schierati e critici contro l’idea dell’accoglienza indiscriminata e il supporto fornitole. Non da meno, siamo stati in disaccordo sui nuovi criteri di gestione e ripartizione costi Coinger della raccolta rifiuti.
Siamo stati favorevoli su altri punti, come su nuovi regolamenti comunali, l’avvio recente di opere pubbliche quali manutenzione straordinaria edifici scolastici, nuovi impianti di videosorveglianza/segnaletica stradale, rifacimento campetto di calcio, adeguamento del PGT, manutenzioe straordinaria palestra ed altro.

Non omettiamo dal citare taluni punti programmatici promessi ma non attuati dalla Giunta in carica inerenti un  nuovo Piano della viabilità, i piani PEEP e PIP, il Centro diurno per anziani che ci attendiamo nel futuro.

Abbiamo voluto essere di stimolo e costruttivi interpretando al meglio l’intento degli elettori nel bene del paese, fornendo un’informazione regolare sulle principali questioni dibattute utilizzando un mezzo capillare e non costoso come internet sul sito titolato “Indipendenti per Besnate” e Pagina Facebook che invitiamo a visitare e continuare a seguire. 

  Camillo Luini, consigliere comunale




IL NOSTRO ARTICOLO SU "BESNATE INFORMA"


....................................
...................................


sabato 1 dicembre 2018

Sabato 1 dicembre 2018, Consiglio straordinario per la nomina del Consiglio Comunale dei ragazzi.

Una seduta di Consiglio emozionante alla quale abbiamo partecipato, durante la quale il Sindaco "ufficiale" ha nominato il Sindaco dei Ragazzi e relativo Consiglio comunale secondo gli esiti di votazioni tenutesi presso la Scuola primaria Dante Alighieri.
Nella foto Sindaco e  Consiglieri "pro tempore" di oggi e quelli "di domani", ragazzi ai quali va tutta la stima per l'impegno civile che vanno assumendo. Bravi.

Consigliere Comunale
Camillo Luini



mercoledì 28 novembre 2018

Consiglio comunale, 334.000 euro per le scuole e 36.000 euro per le associazioni.

La seduta del 28 novembre 2018 ha riguardato variazioni al bilancio e soprattuto lo stanziamento di fondi per scuole besnatesi ed associazioni.


Non abbiamo potuto che essere concordi nella destinazione dei fondi a supporto dell'istruzione in generale  per nido,
scuole materne, elementare e medie ritenendo che una buona formazione dei ragazzi sia il miglior investimento per la società.

Anche le Associazioni besnatesi avranno il contributo con un piccolo incremento rispetto lo scorso anno e mentre per la suddivisione di tale somma attendiamo le decisioni della Giunta (e ne daremo notizia) ecco la destinazione delle risorse per le scuole (sinteticamente):



SCUOLA PER L'INFANZIA
laboratorio di psicomotricità                                                         euro      3.400,00
Contributo alle famiglie per abbattimento rette di frequenza       euro  130.400,00

SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI 1° GRADO (Istituto Toscanini):
Acquisto materiale e sussidi, progetti vari, trasporto alunni
per visite didattiche/spettazolo/sport                                              euro   22.200,00
Utilizo sala teatro parrocchiale per eventi vari                               euro    1.500.00
Attività parascolastiche d'iniziativa diretta comunale                     euro    8.500,00
Supporto alle spese di segreteria scuola                                          euro    1.342,50
Conpartecipazione ai servizi di pre e post scuola                           euro   10.300,00
Interventi per inclusione scolastica di minori
diversamente abili                                                                           euro    94.893,00

Inoltre per supporti dirette alle famiglie in contributi
per rette varie (es. nidi gratis e altri)                                                euro  65.000,00

Tra le novità il progetto "piscina" per le due prime classi di scuola media.

La delibera si è chiusa con il parere favorevole nostro e, ovviamente, dei consiglieri di maggioranza. Astenuti gli altri consiglieri di minoranza Bonalli (Lega) e Ravasi (Lista civica).


Consigliere comunale
Camillo Luini 








lunedì 29 ottobre 2018

La resurrezione delle provincie. Il 31 ottobre 2018 si vota per il Presidente ed i consiglieri provinciali.


Le elezioni provinciali 2018 per il rinnovo del Presidente della Provincia di Varese e per il rinnovo del Consiglio provinciale si terranno in un’unica giornata mercoledì 31 ottobre presso il seggio di Villa Recalcati a Varese dalle 7 alle 23.

 Si tratterà di elezioni di secondo livello quindi non parteciperanno tutti i cittadini ma sono chiamati al voto i sindaci e i consiglieri dei 139 comuni della provincia di Varese che dovranno esprimere la propria preferenza per i candidati e le liste in lizza.

Il voto di ciascuno sarà pesato sulla base della dimensione in termini di abitanti del Comune di appartenenza.

Per altre info: https://www.varesenews.it/tag/elezioni-provinciali-2018/

Da consigliere comunale in carica ovviamente vi parteciperò, per dovere di rappresentatività ed esercizio di una funzione, ma non posso sottacere sulle tante contraddizioni che l'iter decennale di quasi abolizione  di questo ente locale ha comportato e prodotto. 


La legge Delrio del 2014, ha trasformato le Province in enti di secondo livello togliendogli la rappresentatività diretta.
Pertanto questi organismi politici adesso saranno composti da sindaci e consiglieri comunali i quali voteranno per scegliere il Presidente ed il consiglio provinciale.

La riforma ha generato problemi rispetto alle competenze,  lasciando alle Province quelle relative a scuole, trasporti, ambiente e territorio e demandando alle Regioni di procedere ad un riordino delle funzioni, ma di fatto ha ridotto la sovranità popolare.

Insomma questi enti locali hanno resistito a tutti i tentativi di farli sparire, tantè che fra qualche giorno, all'insaputa del grande pubblico, torneremo al voto.

Consigliere comunale
Camillo Luini.


giovedì 25 ottobre 2018

Consiglio comunale del 24 ottobre 2018, definiti investimenti per 220.000 euro.

Una seduta breve ma concreta nella quale sono stati definiti gli interventi che dovranno essere appaltati già entro il 31 dicembre 2018.

Ne diamo una sintesi e il commento che abbiamo espresso a riguardo nel corso della seduta di Consiglio.

Sono stati utilizzati fondi per 220.000 euro rivenienti dall'avanzo di amministrazione del bilancio 2017, grazie al  Ministero economia e finanze che il 3 ottobre scorso ne ha dato via libera all'utilizzo con circolare riguardante enti Comuni , Provincie, Città e Metropolitane, purchè destinati ad investimenti.

90.000 euro per impianti di videosorveglianza e controllo accessi al nostro Comune (Via A. Didio, Via Volta/Jerago
/Gallarate, Fontanili all'altezza Via Volpina, Via Libertà (calvalcavia).  Impianto semaforico Via Madonnina, videocamere di controllo per rilievo targhe per bolli / assicurazione regolari e controllo punti abbandono rifiuti.

35.000 euro per segnaletica verticale, sostituzione cestini rifiuti e per raccolta deiezioni animali.

20.000 euro per incarichi professionali per redazione Piano varianti a PGT e Piani urbanistici.

25.000 euro per acquisto automezzo adeguato alle esigenze della polizia locale.

50.000 euro per revisione impianti condizionamento e termoisolamento uffici. Sostituzione tabellone luminoso/display informativo posto davanti al palazzo comunale (costo indicativo 10 - 15.000 euro).


Non abbiamo avuto motivi per criticare le scelte generali su codesti investimenti, fatto salvo per la spesa destinata al tabellone luminoso (che noi avremmo destinata ad esigenze più utili) che ha perso utilità superato ormai da mezzi più moderni per un'infomazione capillare e più dettagliata quali social internet, smartphone, ecc.



Consigliere di minoranza, per l'ultimo motivo che ho illustrato nè avendo la possibilità di diretta partecipazione ai progetti, mi sono astenuto al momento della votazione.

Consigliere comunale
Camillo Luini









lunedì 9 luglio 2018

La risposta del Sindaco alle nostre domande su migranti e adesione allo S.P.R.A.R.

Nella seduta di Consiglio comunale del 6 luglio 2018 il Sindaco ha risposto alle nostre domande sul tema e di ciò diamo riscontro.   La nostra Interrogazione riguardava lo stato delle cose intorno ai migranti ospitati e le prospettive di soluzione  delle problematiche che avevamo esposto in articoli precedenti (il più recente: Migranti. Dopo tanta prodiga accoglienza, la Cooperativa porta il Comune in Tribunale.)

 

La struttura in Besnate di Via Monterosa 5, gestita dalla cooperativa Versoprobo sta ospitando n. 23 immigrati irregolari (ufficialmente "cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale") ma l'immobile può ospitarne solo n. 13. Il Comune è stato costretto dalla sopraddetta Cooperativa a costituirsi in giudizio presso il TAR Lombardia per sostenere la propria posizione. Decisione rinviata alla prossima udienza TAR del 9 gennaio 2019.


Intanto i 23 richiedenti asilo hanno permesso di soggiorno, sono stati iscritti all'anagrafe dei residenti del Comune di Besnate, hanno la carta d'identità (non valida per l'espatrio), tessera sanitaria e medico di base.
Il permesso di soggiorno ha durata sei mesi, rinnovabili, ed abbiamo capito che l'attesa del parere delle Commissioni di valutazione del diritto di protezione internazionale ci porterà alle cosiddette "calende greche".


Il nostro Comune ha ora aderito allo S.P.R.A.R. (Sistema Nazionale di Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati) con progetto di accogliere n. 15 immigrati irregolari (forse n.12, ma da definire) che saranno trasferiti dal C.A.S. cooperativa Versoprobo (Centro Accoglienza Straordinario)  e gestiti dal Comune in immobile ancora da identificare. La Prefettura garantirebbe (e il condizionale non è casuale)  lo svuotamento dell'attuale CAS per cui, a tendere, si manterebbe la presenza di 15 immigrati irregolari con l'impossibilità di aprire altre strutture straordinarie come quella di Via Monterosa.
Con il progetto S.P.R.A.R. l'integrazione dei richiedenti asilo sarebbe più incisiva con corsi di italiano e formazione lavorativa mentre non ci saranno aggravi economici per il Comune perchè i fondi necessari saranno di origine statale.

Le nostre considerazioni?
Ammesso che le promesse prefettizie/ministeriali potranno essere attuate nel nostro Comune (ci vedono dubbiosi e ci crederemo solo quando le vedremo), esse ci appaiono comunque rimedi ad una situazione sfuggita di mano, ma pur sempre rimedi di una politica governativa immigratoria sconsiderata per mille motivi e che, grazie agli italiani, ha finalmente mostrato la corda.



Consigliere comunale
Camillo Luini






     

 





giovedì 17 maggio 2018

Migranti. Dopo tanta prodiga accoglienza, la Cooperativa porta il Comune in Tribunale.

I nostri precedenti articoli sull'argomento sono stati critici sulla politica migratoria attuata dal defunto governo PD  condivisa ed attuata dalla nostra Giunta e chi intendesse ripercorrere la vicenda può partire dal penultimo atto del gennaio 2018 (il link all'articolo sull'ordinanza del Sindaco) già di per sè paradossale, ma che oggi si tinge di tragicomico (ricordiamo il balletto di numeri, lo scaricabarile tra Prefettura, Comune, Cooperativa, sciopero della fame del Sindaco, riprese sui media locali e nazionali, ecc., ).

Eravamo rimasti all'Ordinanza del Sindaco che denunciava l'inagibilità dell'immobile, per sicurezza, igiene e salubrità,  30 giorni di tempo concessi alla Cooperativa conduttrice per la messa a norma, tassativa la limitazione per permanenza massima di 13 (dicasi  tredici) persone.

La Cooperativa ha invece impugnato l'Ordinanaza davanti al TAR che ne ha già sospeso gli effetti nel marzo scorso
e fissata l'udienza per la trattazione il 20 giugno 2018.

Il Comune si visto costretto a costituirsi in giudizio nel ricorso, ed infatti ha già nominato due avvocati per difendere il Comune e tutelarne interessi e ragioni;  parcelle e costi ovviamente a carico del bilancio comunale, cioè della comunità besnatese "accogliente", ed i costi dei legali come tutti sappiamo si misurano alla fine del processo e  normalmente nell'ordine delle  decine di migliaia di euro !

La vicenda già dalle sue origini apparve scombinata, in ordine al rispetto delle istituzioni, delle Leggi, dei regolamenti e oggi, in ordine alla gratitudine.

Consigliere comunale
Camillo Luini

La Delibera di costituzione in giudizio del Comune.