domenica 8 marzo 2015

Ambiente e decoro urbano. Problemi risolti ? Vediamo. La risposta del Sindaco al nostro intervento.

Avevamo dato conto nel nostro articolo del 8 febbraio scorso dell'Interrogazione rivolta al Sindaco riguardante diversi problemi quali la permanenza di rifiuti scaricati abusivamente, illuminazione spenta da tempo, gatto morto abbandonato nel parchetto pubblico ed altro ancora. E’ giunta ora la risposta del Sindaco al nostro rappresentante in Consiglio che pubblichiamo commentandola. Esprimiamo con ciò l'apprezzamento per l'operato dell'Assessore competente Sig. Paolo Zolin e del Sindaco che hanno accolto le nostre istanze. Una collaborazione positiva.

In breve:

l'illuminazione della rotonda autostradale, spenta dall'aprile 2014, è stata ripristinata. Bene.




I rifiuti abbandonati dal mese di dicembre in un bosco di Buzzano sono stati rimossi. Bene, fatto salvo per un "pericoloso" residuo di eternit che ci auguriano venga rimosso presto.




"Il parco di Via delle Cave è libero da inconvenienti" scrive il Sindaco. Al di fuori degli eufemismi, il gatto morto giacente da oltre un mese nel bel mezzo del parco è stato rimosso. Bene. Un vero peccato che, come dice il Sindaco, l'"ufficio non segue i social" mentre il Comune promuove app, comunicazione push verso i cittadini, wi-fi gratuito e social, la cui funzione dovrebbe essere facilitare la comunicazione non solo verso il cittadino, ma anche da quest'ultimo verso l'amministrazione comunale. Altrimenti si tratta di propaganda e no di servizio ai cittadini!

Per l'impianto di illuminazione di Piazza Santa Maria del Castello il Comune ha appurato l'esistenza di anomalie tecniche ma si giungerà ad una soluzione entro una decina di giorni, riferisce il Sindaco. Bene, ma verificheremo.

Le luminarie natalizie sono state rimosse. Bene.








Nessuna risposta per ora circa la rimozione dell'alberello rigoglioso che cresce nella grondaia del palazzo comunale. Troppo complicato ? Attendiamo fiduciosi.









La lettera di risposta del Sindaco alla nostra interrogazione:











2