domenica 30 ottobre 2016

Commemorazione del 4 novembre. Abolita la Messa nella tradizionale cerimonia.

Come ogni anno, il nostro capogruppo in Consiglio comunale ha ricevuto l’invito dal Sindaco a partecipare alla consueta manifestazione celebrativa del 4 novembre, per l’Armistizio seguito alla vittoria italiana nella prima guerra mondiale, in memoria dei milioni di soldati italiani vittime della guerra.

La manifestazione si è sempre conclusa con la Messa di commemorazione e suffragio per i caduti italiani, tra i quali tanti besnatesi.

QUESTA VOLTA, E PER LA PRIMA VOLTA DA QUASI UN SECOLO, LA MESSA E’ STATA ABOLITA, come potete leggere dall’invito che pubblichiamo.

Alla base della decisione di abolire la celebrazione cristiana appaiono addensarsi ragioni inquietanti per la nostra comunità, per la memoria, per la storia, per il rispetto dei nostri morti cristiani, per la tradizione.

Postiamo l'articolo su facebook dove lo spazio è disposizione per le reazioni e giustificazioni del caso. Link

mercoledì 12 ottobre 2016

Sabato 15 ottobre 2016 si vota e le Province resistono.


Articolo di Camillo Luini
Consigliere comunale
Indipendenti per Besnate.


Nell'indifferenza generale, sabato 15 ottobre 2016 eleggeremo il nuovo Consiglio Provinciale.  Per il grande pubblico le Province sono state abolite, però ci sono ancora ! Metodo simile per i futuri Senatori ?

Sì, è vero, il vertice politico delle Province non è più elettivo, ma quello che si voleva evitare è ancora tutto lì.
Innanzitutto, la struttura su cui si reggono le Province è rimasta intatta con il codazzo di Presidente, amministratori, personale, dirigenti, uffici e tanti soldini da spendere. Non sfugge a nessuno che il vero costo è lì.
Nella Provincia  "abolita", come in una storia surreale, il giorno 15 ottobre 2016  gli Amministratori comunali  voteranno per la rielezione del Consiglio provinciale di Varese. Il nuovo consiglio provinciale, si vota il 15 ottobre: all'elezione parteciperanno solo consiglieri comunali e sindaci. Il nuovo consiglio rimarrà in carica fino al 2018

A Varese ci sono  5 Liste con 78 candidati in competizione e chi scrive ne è a conoscenza solo perchè ricopre l'incarico di consigliere comunale ed è pertanto chiamato al voto.
Ma ben poco o niente di questa informazione è arrivata alla gente, eleggeremo pertanto un Consiglio provinciale all'insaputa dei cittadini. Vi sembra normale ?

Questo l'elenco dei consiglieri comunali aventi diritto al voto

Non solo. Le province sono "abolite" ma per essere certi che questi enti possano sopravvivere, nella riforma costituzionale sottoposta al prossimo referendum popolare i giovani costituzionalisti emeriti le hanno inserite ridefinendole "enti di area vasta".

E per riportarmi al tema caldo del referendum, simile situazione si potrebbe verificare con l'approvazione   della riforma costituzionale "renziana".

Il Senato della Repubblica continuerà ad esistere ma con Senatori (la cui funzione è incommensurabilmente più importante di quella dei Consiglieri Provinciali) non eletti dai cittadini  bensì estratti dalle file degli Amministratori locali, per indice di gradimento alle segreterie politiche di turno.
Senatori all'insaputa degli elettori, con tutto ciò che ne consegue. Senza legittimazione popolare ma con immunità parlamentare. Varianti urbanistiche ed appalti per gli amici, spese folli, ecc. ben coperte dall'immunità.
Non mi pare cosa da poco. Voi che ne dite?

Questo è il quadro che mi sento di in dovere di portare alla conoscenza del pubblico. Ai lettori le ovvie considerazioni.


domenica 9 ottobre 2016

Da "La Prealpina" la conferenza di Magdi Allam su Islam ed immigrazione.

La conferenza si è tenuta venerdì scorso, 7 ottobre, in Sala civica. Per la cronaca completa rinviamo alla lettura dell'articolo del giornale a firma Gabriele Ceresa. Solo a complemento riportiamo alcuni ulteriori punti significativi toccati dal giornalista e che a nostro parere aiutano un'analisi lucida che stimola riflessioni.
La prospettiva demografica/statistica. Se non ci sarà un 'inversione di tendenza, alla luce delle nascite di bambini da famiglie italiane (ormai 1,3 nascite per coppia) entro il 2050 solo il 20 percento della popolazione attiva in Italia sarà italiana e di conseguenza la società italiana è destinata a scomparire, persistendo l'attuale politica.

L'immigrazione irregolare e clandestina
è pilotata dagli interessi della grande finanza mondiale che notoriamente bada da sempre e prioritariamente alle rendite proprie, ove i governi nazionali (come il nostro Renziano) sono l'ultima ruota del carro.

Indipendemente dalla religione, le singole persone possono essere di animo buono o meno, ma il punto sta nelle basi fondanti delle religioni. Per l'Islam, religione e Stato coincidono mentre la nostra società, frutto  dell'evoluzione illuministica, è uno Stato laico, dove la religione (o le religioni) vi convive ma ma le sue regole non possono e non devono coincidere con quelle della società civile.
Presenti tra il pubblico numeroso anche il Sindaco ing. Corbo ed alcuni Assessori tra i quali l'Assessore Clementina Giudici, citata nell'articolo de "La Prealpina".