giovedì 9 maggio 2019

Elezioni comunali, due programmi a confronto. Spunta il secondo centro anziani.

Per le votazioni comunali del 26 maggio prossimo disponiamo ora dei programmi elettorali e ne traiamo un giudizio sintetico che, da presenti nel Consiglio comunale uscente, ci sentiamo di dare.

Quello che osserviamo è un diverso approccio ai temi, quali lavori pubblici, cultura, urbanistica, ecc.
  • Il programma della Lista di Giovanni Corbo denota un piano organico di completamento per iniziative fin qui realizzate ed un disegno di sviluppo del paese, tenuta presente la sostenibilità finzanziaria.  
  • Quello della Lista di Marco Bonalli ci è apparso poco contestuale nè molto attento alle risorse disponibili.  

L'esempio ci è fornito dal progetto principale presente in entrambi in programmi, quello del CENTRO ANZIANI.

Esso fu avviato dalla LEGA, Sindaco Giuseppe Ravasi, con la ristrutturazione dell'ex-circolo di Via Matteotti e prevedeva al primo piano la Mutua Sanitaria Besnatese ed al piano terra il suddetto Centro per gli anziani.
La ristrutturazione dell'immobile fu quasi completata dal Sindaco successivo, la dott.ssa Donata Bordoni, con spesa di circa 2 milioni di euro.
La Mutua sanitaria si insediò al primo piano ed allo stato attuale manca la sistemazione interna del piano terra destinato a Centro anziani ed i parcheggi per l'immobile (su terreno già acquistato dal Comune in via Scafetta).

La mancanza di fondi ha ritardato il completamento ed il Sindaco uscente GIOVANNI CORBO prevede ora di concludere il progetto con il ricavo dalla vendita dell'area casa ex-ECA di via Jerago (con ovvi vincoli riguardo volumi, viabilità e parcheggi), immobile ormai pericolosamente fatiscente.
Scelta già approvata due anni fa in Consiglio comunale, considerando che i fondi incassati dal Comune avrebbero una destinazione virtuosa, a supporto di fasce deboli, così' come fu la funzione dell'ente ECA (ente comunale di assistenza).

Nel programma del candidato MARCO BONALLI il progetto Lega di cui sopra sull'ex-Circolo viene abbandonato a destino sconosciuto e la promessa attuale  è per  un altro Centro anziani nella casa ex-ECA, che ignora l'investimento già fatto e il modo di reperire i nuovi fondi necessari, nell'ordine di qualche milione di euro. 

E' questo tipo di approccio, decontestualizzato dallo stato delle cose, dalla storia e dalle risorse, che ci lascia perplessi.


Consigliere comunale (uscente)
Camillo Luini